INVIATO

Vittorio Brumotti

segui su

Nasce a Finale Ligure (Savona) il 14 giugno 1980. Da vent'anni vive in simbiosi con la sua fedele bike. Con lei vince il campionato del mondo di Bike Trial, dopo aver collezionato diversi titoli italiani. Tale disciplina sportiva è una specialità derivata dal Trial (contrazione dei termini "try" e "all", ovvero "prova tutto") motociclistico, in cui il biker affronta ostacoli naturali o artificiali, cercando di evitare di poggiare a terra i piedi. Tra il 2008 e il 2010 conquista sette Guinness World Records. Gli ultimi quattro sono stati trasmessi da Striscia: nel dicembre 2008 salta consecutivamente il maggior numero di transenne con la ruota posteriore di una normale bicicletta; nel maggio 2009 si lancia in sella alla sua bike da una roccia a picco sul mare, alta 17 metri, sopra la Grotta del Bue Marino, a Dorgali (Nuoro); nel novembre 2009, prendendo una rincorsa di soli 13 metri, salta con la sua bici da un tir a un altro posto alla distanza di 4,02 metri dal primo; nel maggio 2010 effettua 71 saltelli consecutivi sulla ruota posteriore della sua bike. Il record viene eseguito in un’area appena sufficiente per contenere la mountain bike, la guglia rocciosa a strapiombo sul mare, alta 143 metri, di Punta Caroddi, che domina la spiaggia simbolo della costa sarda dell'Ogliastra, Cala Goloritzé, nel comune di Baunei. Il 28 ottobre 2012 conquista il suo ottavo record del mondo: scala con la sua bike la Burj Khalifa di Dubai, il più alto edificio mai costruito dall'uomo (828 metri). Brumotti risale l'intera torre (160 piani, pari a circa 4.000 gradini), rimanendo in sella alla bici e in equilibrio senza mai appoggiare i piedi per terra. In seguito, aggiunge altri due Guinnes Worlds Records al suo palmarès arrivando a un totale di 10.
Il soprannome 100% Brumotti vuole esprimere il suo stile di vita energico e positivo e il continuo desiderio di Vittorio di superare i suoi limiti. Le peripezie a due ruote in cui si cimenta lo fanno sembrare un incosciente, ma lui stesso assicura che "è tutto calcolato".
Esordisce come inviato di Striscia nel novembre 2008 e, a cavallo della sua bike, mostra in giro per l'Italia sprechi e opere incompiute e, al fianco del FAI (Fondo Ambiente Italiano), le meraviglie da tutelare. Da ottobre 2017 inizia la sua battaglia contro la criminalità organizzata, firmando numerosi reportage contro lo spaccio di droghe nelle città italiane.
 

I servizi